Byobu
by Nendo, 2012

Un invito a scorgere la bellezza nell’inesatto fugando la tentazione di rifugiarsi nei paradigmi della razionalità, per descrivere uno spazio definito da coordinate mutevoli, linee spezzate che corrompono la percezione promettendo un’inattesa, splendida armonia.