Dinamic Collection

La velocità, il gioco e il filo della modernità

Massimo Iosa Ghini, tra i fondatori del Bolidismo – movimento, fondato negli anni ’80 da un gruppo di giovani architetti italiani ispirato all’avanguardia futurista – disegna delle sedute pensate più per l’azione che per il riposo, dinamiche, agili, espressione fisica dei concetti alla base del pensiero bolidista. Movimento, leggerezza, divenire, azione, più che riferirsi all’avanguardia storica delineano una ri-lettura contemporanea della velocità, nel passaggio da una società meccanica ad una elettronica, telematica, caratterizzata dalla simultaneità comunicativa e simbolica. “ Il Bolidista ritiene il futuro, in quanto non presente, equivalente al passato, ma più interessante”.