Fjord, poltrona

La perfezione in un frammento di conchiglia

Da un frammento di conchiglia, rotto, levigato dalle onde, Patricia Urquiola disegna una collezione di sedute pensate per la casa e per gli spazi pubblici. L’influenza scandinava, evocata dal nome stesso, è nel riferimento ad Arne Jacobsen e nella presenza di un taglio allungato, metafora delle insenature delle coste nordiche. Come in un ciclo naturale la scocca della poltrona, ri-generata dal tempo e dall’acqua, diventa poltroncina e poi ancora sgabello. La forma spezzata, da concetto astratto, si trasforma in oggetto di design: linee dolci che sostengono e accolgono, evidenziate dall’accuratezza delle cuciture a vista in armonia continua con l’essenzialità della struttura.

Espanso schiumato a freddo ignifugo con struttura interna in acciaio rivestito in tessuto o pelle.