Al via la rassegna “Waiting for Kentridge” nel nuovo spazio Moroso di Udine, nell’ambito del Piccolo Festival dell’Animazione

19 novembre – 10 dicembre 2021 – Inaugurazione il 19 novembre alle ore 18 alla presenza dell’artista William Kentridge

MOROSO DESIGN OUTLET, Via Nazionale 85, Tavagnacco (Udine)

a cura di Paola Bristot e Andrijana Ružić

—————–

Il Piccolo Festival dell’Animazione parte quest’anno insieme a uno dei più grandi personaggi sulla scena internazionale: William Kentridge, artista tra i più quotati, che aveva già aperto il festival in modalità virtuale lo scorso anno. Quest’anno studiosi del settore e molti appassionati del cinema d’animazione avranno la possibilità di vedere 12 dei suoi film in postazioni video, monitor, computer e Tv in diversi punti nel nuovo spazio Moroso, ristrutturato secondo un’estetica di loft industriale e pertanto molto attinente alle ricerche visive contemporanee. Un’installazione inusuale, organizzata per salotti, dove sedersi e visionare le opere esposte. William Kentridge in persona verrà ad inaugurare il festival e la mostra e a raccontare la sua esperienza e l’esposizione il giorno 19 novembre alle ore 18.

Paola Bristot e Andrijana Ružić, che hanno curato gli allestimenti in collaborazione con la Galleria Lia Rumma e lo Studio Kentridge, sono molto orgogliose per questa convergenza tra il mondo del design e quello del cinema d’animazione, che si spinge sempre di più verso orizzonti legati all’arte contemporanea. Patrizia Moroso, da sempre attenta alle interconnessioni tra i diversi settori delle arti, ha dato piena disponibilità a far dialogare lo spazio, le produzioni Moroso e i film. «Attendiamo con impazienza – aggiungono le curatrici – di vedere il risultato di questa sinergia, che trova in un territorio come il Friuli Venezia Giulia la sua soluzione più appropriata alla interrelazione tra linguaggi visivi e sistemi di produzione, il cui livello è riconosciuto internazionalmente.».

Già a partire dalla comunicazione della mostra “Waiting for Kentridge”, si vede un Kentridge moltiplicato, seduto o appoggiato al famoso divano Victoria and Albert di Ron Arad, uno degli emblemi della produzione Moroso, in un gioco visivo ironico che è piaciuto ad entrambi, all’artista sudafricano e al maestro del design.

La mostra è un viaggio in una delle ricerche più attente dell’artista, che sarà possibile visitare presso il nuovo spazio Moroso in Via Nazionale 85 a Tavagnacco, davanti alla storica sede di Moroso, dal martedì al sabato e le domeniche 21 e 28 novembre dalle 17 alle 20, secondo le norme vigenti.  

—————–

I film in mostra:

Discourse on a chair, 1975, 1′ 2” 

Monument, 1990, 3′ 11” 

Mine, 1991, 5′ 50”

Felix,1994. 8′ 43”

Ubu Tells the Truth, 1997, 8′ 

Breathe, Dissolve, Return, 2008, 6′ 17” each

Other Faces, 2011, 11’10”

Sonnets, 2012, 3′ 38” 

Second-hand Reading, 2013, 7′ 

Self-Dictionary, 2016, 2′ 44” 

Waiting for the Sybil, 2019, 9′ 59” 

City Deep, 2020, 9′ 41” 

In collaborazione con: TriesteContemporanea, Fondazione Ado Furlan e Libreria Martincigh.