Olafur Eliasson

L’artista Olafur Eliasson (IS/DK), nato nel 1967, lavora con scultura, pittura, fotografia, film, installazione e media digitali. Le sue opere esplorano incessantemente la rilevanza dell’arte nel mondo in generale.

Eliasson è conosciuto a livello internazionale per le installazioni che sfidano la nostra percezione e co-creano i nostri ambienti. Dalla metà degli anni ’90 ha realizzato numerose importanti mostre in tutto il mondo. The weather project (2003), un enorme sole artificiale avvolto dalla nebbia, nella Turbine Hall della Tate Modern di Londra, è stato visto da più di due milioni di persone. Per il suo progetto Ice Watch, Eliasson e il geologo Minik Rosing hanno portato iceberg fluttuanti da un fiordo fuori Nuuk, in Groenlandia, nelle piazze pubbliche delle città europee (Copenhagen, 2014; Parigi, 2015; e Londra, 2018) per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla crisi climatica.

Situato a Berlino, lo Studio Olafur Eliasson comprende un ampio team di artigiani, architetti, archivisti, ricercatori, amministratori, cuochi, storici dell’arte e tecnici specializzati. Dal 2012, Little Sun, il social business fondato da Eliasson e dall’ingegnere Frederik Ottesen, ha lavorato per diffondere la consapevolezza sulla necessità di ampliare l’accesso a un’energia pulita e sostenibile a tutti. Nel 2014, Eliasson e il suo collaboratore di lunga data, l’architetto Sebastian Behmann, hanno costituito l’ufficio per l’arte e l’architettura Studio Other Spaces per concentrarsi su progetti di costruzione interdisciplinare e sperimentale e opere nello spazio pubblico.